NELL’ARTICOLO 6, COMMA 6 DEL DECRETO, SI PARLA DI “CASI DI GRAVITÀ” CHE POSSONO GIUSTIFICARE LA CONSIDERAZIONE DELL’ESONERO. QUALE INDICAZIONE O CRITERIO DI GRAVITÀ DEVE ESSERE INDICATO NELLA DIAGNOSI?

Il comma a cui si fa riferimento, riportato qui sotto, non fornisce criteri quantitativo - qualitativi sulla gravità del disturbo. Ciò non risulta in alcuna altra parte della normativa attuale.

 

DM 5669 Art. 6 comma 6. - Solo in casi di particolari gravità del disturbo di apprendimento, anche in comorbilità con altri disturbi o patologie, risultanti dal certificato diagnostico, l’alunno o lo studente possono – su richiesta delle famiglie e conseguente approvazione del consiglio di classe - essere esonerati dall’insegnamento delle lingue straniere e seguire un percorso didattico differenziato. In sede di esami di Stato, i candidati con DSA che hanno seguito un percorso didattico differenziato e sono stati valutati dal consiglio di classe con l’attribuzione di voti e di un credito scolastico relativi unicamente allo svolgimento di tale piano, possono sostenere prove differenziate, coerenti con il percorso svolto, finalizzate solo al rilascio dell'attestazione di cui all'art.13 del D.P.R. n.323/1998.


  E' POSSIBILE L'ESONERO SOLTANTO DALLA 2^ LINGUA?

Attualmente questa possibilità non è prevista in alcuna normativa.

Presso il C.T.S. della provincia di Cremona (IIS Sraffa, via Piacenza, 52/c - Crema) è aperto lo spazio “Fattore Inclusione”, in cui sono presenti sei sportelli di consulenza personalizzata rivolta agli educatori e agli insegnanti curricolari e di sostegno, di ogni ordine di scuola, sui Bisogni Educativi Speciali.

per accedere,

clicca sull'icona

IC. "U. Foscolo" di Vescovato
IC. "U. Foscolo" di Vescovato
I.C."U.Foscolo" di Vescovato
I.C."U.Foscolo" di Vescovato
I.C."U.Foscolo" di Vescovato
I.C."U.Foscolo" di Vescovato
USR Lombardia
USR Lombardia